Non smette(re) di piovere

Scritto il 12 Mag, 2018

Non smette(re) di piovere

– Ti posso fare una domanda?

– Spara.

– Quante ore della settimana dedichi alla tua forma fisica?

– Ma che domanda è?

– Una domanda come un’altra.

– A me non sembra ma comunque se consideriamo anche le birre diciotto.

– Ma sarai mica scemo?

– Hai detto una sola domanda.

Era una serata da baciarsi ieri, da bagnarsi  sotto quella pioggia che inizia quando esci dall’ufficio e finisce giusto quando arrivi a casa fradicio e finalmente puoi fare una doccia calda e mettere in lavatrice quel jeans che sono mesi che indossi ma noi, non facciamola finire mai questa pioggia, non torniamo mai a casa, ché i campi ne hanno bisogno e le bestie l’indomani ne trarranno giovamento, col foraggio fresco e verde da brucare e il contadino, soddisfatto, a fumarsi paglie in veranda, guarderà sua moglie negli occhi con la voglia di quando erano ragazzini e noi, nel frattempo che la natura fa il suo corso, e i fiumi si ingrossano e a valle i bacini idroelettrici ribollono e le luci della centrale elettriche sono finalmente eccitate come noi e mentre il progresso fa il suo corso, nella conquista dello spazio, ci sono corpi metallici viaggianti, i nostri, verso le più disparate destinazioni siderali, Marte, gli anelli di Saturno, le stelle nane e i satelliti telescopici che ci guardano e mentre ci guardano, se noi ci baciamo, i governi faranno decreti legislativi, le monarchie del nord faranno figli, le dittature dell’est faranno parate celebrative del nostro amore e tu, vieni qui, non essere timida, è solo un bacio e i miei jeans possono aspettare ancora un po’ per essere lavati.

Foto: tortuga767

Share on Facebook

Commenta