Planet Terron

… a sud di Santa Monica.

outline for anti abortion research paper

Scritto il 26 feb, 2015

essay about leadership and management

Allora io la sento questa cosa, quando torno verso casa di sera per le strade di Milano, e alla fermata del metrò di Porta Venezia ci sono i capannelli di andini ubriachi che si passano bicchieri e si insultano, ridendo, nel loro spagnolo altalenante di montagne e biascicato di nostalgia, che sono geloso di te, che passi tra i tavoli coi tuoi piccoli occhi blu e quel culo di meravigliosa solarità e che quando non ci sono io ci saranno altri occhi e pensieri che hanno pensato e visto quello che io ho pensato e visto e che quella carezza dietro al collo, servita tra una pietanza e l’altra, possa agitare la carne di un altro come me. Ecco, questa cosa mi manda ai...

http://azubidoo.com/

read this

Scritto il 6 gen, 2015

Il pesce è un cibo che col sole è più buono

Mi capita questa cosa, che quando sono particolarmente ispirato, vado a comprare il pesce. Solitamente è un giorno di festa, una domenica, o comunque un giorno che non lavoro. Molto spesso capita che sia un giorno di sole. Il pesce è un cibo che col sole è più buono. Mi capita anche quest’altra cosa, che quando devo cucinare il pesce e fuori c’è il sole, mi preparo di tutto punto, faccio una lunga doccia, una barba come si deve e poi mi vesto bene, come se dovessi uscire. E invece mi metto ai fornelli. Questa cosa secondo me viene da quando ero piccolo e l’estate ci trasferivamo dal paese in campagna. Al tempo l’estate era una stagione che durava dai primi...

Leggi

Amore operaio

Scritto il 5 dic, 2014

Amore operaio

Ci sta questa ragazza, che da poco l’hanno trasferita sulla mia linea di montaggio, che è una linea di montaggio molto lunga, la più lunga di tutto lo stabilimento. Tra me e lei ci sono dodici macchine una dietro l’altra. Io sono alla prima macchina, mentre lei è alla tredicesima macchina, quindi un bel po’ di macchine in là che, se metti insieme tutte queste macchine, fanno una considerevole distanza. Io la chiamo la ragazza della tredicesima macchina, visto che non so il suo nome. Fatto sta che questa ragazza mi piace molto. Cioè, ora mi piace molto. Prima non ero sicuro. C’è da dire che l’avevo notata tempo fa, perché lavorava in un altro...

Leggi

La calma del sugo

Scritto il 26 ott, 2014

La calma del sugo

Da freelance mi capita molto spesso di lavorare il sabato e la domenica. Tra una corsetta al parco, una lavatrice e la spesa, ogni tanto riesco a trovare il tempo di fare il “sugo” terrone, quello tosto per le orecchiette. Mentre sono lì a lavoro e sento alle spalle la pentola che borbotta e i primi profumi salgono caldi nel naso, inizio a percepire un peso leggero sulla spalla, come la mano di una presenza che sa d’antico e che viene da molto lontano. Per me è il tocco lieve e sicuro degli avi, la carezza di mia nonna e di mia madre, che vogliono rassicurarmi. Così, un po’ penso che questa cosa che sto facendo, nella sua semplicità, è...

Leggi

Crudele e inevitabile come la deriva dei continenti.

Scritto il 19 ott, 2013

Crudele e inevitabile come la deriva dei continenti.

Le persone che voglio io sono lontane circa settecentomila iarde, trecento anni luce, dodici milioni di vasche rana, fantastigliardi di circumnavigazioni del tunnel di neutrini, quello che dal Gran Sasso arriva in Svizzera, se non sbaglio. È iniziato come la deriva dei continenti, una di quelle cose che segnano la storia, che i nostri figli leggeranno sui libri di scuola, questo distacco crudele e inevitabile di terre emerse che si allontanano. Uno rimane su una sponda, diciamo l’Africa, e uno in Brasile. Che ora si chiamano così, ma prima? Non si sa di preciso che dire. Ciao, sono qui, do due calci al pallone, guardo il mare, e tu? Tutto questo casino...

Leggi

Dire la verità è da stupidi

Scritto il 29 apr, 2013

Dire la verità è da stupidi

– Cosa sono quei lividi? – Sono caduto. – Cosa sono quei lividi di morsi? – Sono caduto in un acquario di murene. – Cosa cazzo sono quei lividi di morsi col rossetto? – Va bene. Le murene erano femmine ma giuro, da fuori non sembrava. Share on Facebook

Leggi