Non è con le chiacchiere che uscirai da questa merda

Jules Winnfield - Pulp Fiction

Inshallah

Ho incontrato una ragazza, la faccia più antica del mondo, più vecchia della Mesopotamia e del primo governo Giolitti messi insieme, gli occhi grandi come quei calici di vino che bisogna far respirare, tannici e scuri come la notte, gli zigomi più larghi delle spalle di Atlante, che la terra e il mare ci stanno sopra comodi e i capelli neri, confusi sulla fronte come la migrazione delle anatre. Ha un cappotto di panno a quadri, anche, e domani parte per un posto lontano, ma torna, dice, inshallah. Io l’ho baciata sulla bocca. Non si sa mai. (foto di Nima Fatemi) Share on...

Leggi tuttoVai al Blog

Me

Braccia rubate alla terra del sud, fine intelletto sottratto alla mala, vive stoicamente in quel di Perugia Milano dove fa cose di computer e  calcetto di correre. Ha appena cambiato radicalmente la sua vita comprando un microonde in saldo. Cintura nera di carbonara, ama le caviglie fini, odia i nani (in doppiopetto) e le ballerine (ai piedi). Puoi incontrarlo nei peggiori bar di Caracas ma non il mercoledì di Coppa.

[3]

Un video di Francesca Lolli a cui ho prestato delle parole

[dallo stesso autore di]

Bruttochef.it